GIULIANA DE SIO

giuliana-de-sio-ridotta

GIULIANA DE SIO

Attrice italiana, due volte vincitrice di due David di Donatello come attrice protagonista, le sue innumerevoli interpretazioni a teatro, cinema e tv l’hanno resa oggi una delle attrici più profonde ed intense del  panorama italiano.

Nel 1976 il suo esordio al cinema. Nel 1977 interpreta la scrittrice Sibilla Aleramo nello sceneggiato Rai Una Donna. Segue nel 1978 il film tv Le Mani sporche con Marcello Mastroianni diretto da Elio Petri e nel 1979 Hedda Gabler di Maurizio Ponzi, con il quale lavorerà più volte.

Adolescente prodigio, nello stesso periodo, interpreta a teatro La doppia incostanza di Marivaux nel 1978, Un sorso di terra nel 1979 e Scene di caccia in bassa Baviera nel 1980 accanto a Michele Placido.

Nel 1979 affianca Philippe Noiret ne L’allegro marciapiede dei delitti e trova un posto nel nutrito cast de Il malato immaginario con Alberto Sordi e Vittorio Caprioli.

Dopo la fiction Ritratto di donna distesa nel 1980 e la miniserie La Medea di Porta Medina nel 1981, è diretta da Franco Giraldi in Ivanov con Claudio Gora nel 1982.

I primi riconoscimenti arrivano nel 1982 grazie alla commedia di Francesco Nuti Io, Chiara e lo Scuro, David di Donatello come miglior attrice protagonista e Nastro d’Argento.

Nel 1983 iniziano una serie di interpretazioni per il piccolo schermo : Dramma d’amore (1983) con Alida Valli e Cuore (1984) di Luigi Comencini. Nella seconda metà degli Anni Ottanta, si divide tra cinema e teatro. Nel 1984 il film Uno scandalo perbene ancora con Caprioli, spostandosi poi a teatro per il varietà Se il tempo fosse un gambero nel 1986. Dello stesso anno è la commedia di Mario Monicelli Speriamo che sia femmina con Catherine Deneuve, Stefania Sandrelli e ancora Noiret, seguita nel 1987, sempre di Monicelli, I picari con Caprioli e Vittorio Gassman.

Nel 1987 la partecipazione al telefilm La piovra 3.

Nel 1990 ritorna a teatro diretta dal grande Giorgio Strehler in Libero, seguito da Crimini del cuore del 1991 e L’estasi segreta del 1994.

Nel 1991 ottiene il secondo David di Donatello come miglior attrice protagonista per Cattiva di Carlo Lizzani.

Vari ruoli tra tv, cinema e teatro : nel 1993 il telefilm Wolff – Un poliziotto a Berlino; nel 1994 per il cinema, La vera vita di Antonio H. con Federico Fellini, Orson Welles e Gassman; a teatro Storia d’amore e d’anarchia.

Per le televisione ricordiamo le fiction : nel 1998 la fiction Angelo nero, nel 2000 Gli amici di Gesù – Maria Maddalena, La notte breve del 2006 e Crimini – Il bambino, la befana del 2007. I telefilm  Il bello delle donne (2001-2003) e Caterina e le sue figlie 2 (2007) con Alessandro Benvenuti. Nel 2011 la ritroviamo protagonista del film Il console italiano di Antonio Falduto e di Ci vediamo a casa di Maurizio Ponzi.